Archive for 14 Giugno 2004

Disastrosamente io.

Lunedì, 14 Giugno 2004

Quando sbatto le palpebre mi gira la testa.Quindi resto ferma.Tra un pò mi metterò nella vasca da bagno e comincerò a strofinarmi la faccia per pulirimi da non so quale peccato.Mura annerite dal fumo.Voglio disinfettare tutto e far sciogliere il mio copriletto nell’acido muriatico.Il mio copriletto blu con tutti i suoi orgasmi.Abbraccio la lavatrice perchè quando parte la centrifuga,fa un casino della madonna,mi immagino nel cestello che mi sbatte a tutta velocità.Violet,la donna del pulito.
Cazzo che bello è arrivato il temporale e l’aria è fresca,voglio essere la pioggia,voglio dividermi in milioni di gocce,schiantarmi al suolo e poi tornare su.Voglio essere dentro tutte le cose,ma non dentro me.
Rido elencando le cazzate che ho fatto questo fine settimana.
Disastro1
Ho cucinato un pezzo di carne,ma quando è arrivato il momento di mangiarlo,mi sono detta:”Chi cazzo sono una cannibale?”..si di quelle con i capelli arruffati e l’osso al naso..Così l’ho incartato per bene e l’ho buttato nell’immondizia.
Disastro2
Ho cucinato il pesce (“AAAHHHH!!Violet zoccola,ti piace il pesce eh?!”..si mi piace!pensa alla merda surgelata che mangi tu e al tuo pisello che sta diventando sempre più simile ad un bastoncino FINDUS)ma poi mi sono messa a parlare al telefono e si è bruciato.
Disastro3
Ho messo sul fuoco la pentola senz’acqua.
Disastro4
Ho buttato la pasta cruda nel sugo.
Disastro5
Ho fatto casino con le pillole,ancora due settimane e finsco con questa merda.
Disastro6
Ho visto Gerry,lui è stato gentilissimo con me,invece io gli ho detto che non ha i denti e che non capisce un cazzo.
Disastro7
Mentre camminavo per la strada con le buste della spesa,sono andata addosso ad un cieco che mi veniva incontro…ma dove ho lasciato la testa..
Disastro8
Ho fatto rovesciare un pacco di riso,che palle..trovo i chicchi dapperttutto.
Disastro9
Mentre ballavo ho dato una ginocchiata al tavolo e adesso sulla gamba ho un livido da paura.
Disastro10
Sabato sera dopo cena mi è presa la scimmia,sono andata al parchetto,mi sono sballata con Michele e i parchetto-friends,poi sono risalita su,ho aperto l’armadio e mi sono vestita da puttana,a Michele ho fatto indossare il mio tutù(al contrario hahahhahahaha!)e siamo andati in strada a fare i coglioni.La gente ci guardava stranita.Che bello siamo diversi.

Sono stata sempre con le mani nelle mutande.Tu riesci a spogliarmi anche da lontano..potrei andare a letto con qualsiasi ragazzo..ma perchè sento che nessuno potrebbe darmi quello che mi daresti tu?…perchè sento che non ti rivedrò più?…

Per te.Fottuto,insostituibile,dolcissimo disastro.

“Sono sveglia o forse no
ma non mi importa
tu sei l’UNICO per me
sarò lenta quanto vuoi
tu non ti senti più così fragile
Io CON TE
SOLO CHE CI SEI QUANDO NON MI VUOI

io sto bene
come è buio sai non ti sbagli mai
Non mi spiego quasi mai
io non ho fretta
voglio bere un po’ di me
forse sbaglio o FORSE NO
tu non ti senti più così fragile
COSI’VICINO A ME
COSI’FUORI DA ME

in fondo tu mi vuoi
e se mi vuoi
io….”

Riferimenti: Viba