Archive for Aprile, 2006

Ossessioni nel posacenere

Giovedì, 27 Aprile 2006


Il posacenere è pieno di mozziconi.
Sigarette nervose.
Fumo troppo.
Ogni pensiero una sigaretta. Ogni ossessione una boccata di fumo.
Il posacenere è pieno delle mie ossessioni.
Torturo i capelli sottili.
Ogni minuto.
Ogni secondo.
Perché tutti vorrebbero che fossi perfetta. Che stessi zitta al momento giusto. Che avessi un lavoro ?sistemato?.
Non mi permettono di sbagliare. Vorrei urlare ora, ma qualcuno, vicini sospettosi, chiamerebbero la polizia, come qualche anno fa.
Mi sento in obbligo verso mia mamma. Non sono libera.
Pianterei tutto, lo giuro.
Per la primavera boreale, per lo Iowa, per un?isola. Per niente.
Per niente, davvero.
A cosa serve costruire se basta un rumore per distruggere tutto.
Andare avanti.
Comprare un dentifricio per denti bianchi e belli.
Un balsamo effetto capelli luminosi.
Una crema nutriente per queste maledette mani da bambina.
Non cambieranno mai.
Le mie mani.
E neanche io.
Con questi sogni umidi.
L?ho vista camminare sotto casa, quella signora storpia che ha la testa sempre rivolta verso l?alto. E? una malformazione della schiena. Camminavo lentamente dietro di lei chiedendomi che vita sarebbe quella che ti costringe a guardare il cielo.
Il soffitto.
Una vita distratta. Le disgrazie vengono dalla terra. Ti si attaccano alle ginocchia e ti trascinano.
Giù.
Non mi va di mangiare.
Saprai accettarmi così come sono..
Con le mie ossessioni tra i capelli.
E nel posacenere.
E con questi ricordi che continuano a torturarmi come pagliacci distorti, riflessi di una memoria. Feroce.
Il sole che si tuffa dietro giganti a mille occhi.
E io genuflessa.
Ramo incrinato.
Notte.
Abbracciami.
Ti prego.

Ricordi capovolti

Giovedì, 20 Aprile 2006


Prima di andare a dormire spengo sempre il gas.
Ho paura di saltare in aria, durante la notte.
Dietro di me c?è una bambina che parla con una voce piagnucolosa, si lamenta e fa i capricci, le darei una gomitata nelle gengive.
Ieri ho visto Drugstore Cowboy e ad un certo punto c?è Matt Dillon che dice di non guardarti nello specchio, perché porta sfortuna. Ciò che vedrai nel riflesso è sempre quello che non vorresti vedere.
Ed è vero.
Fosse per me li spaccherei tutti a martellate, ma ne sono dipendente, come se fosse eroina.
Mi guardo nello specchio e mi chiedo se gli altri, il mondo, vedano la stessa cosa che vedo io.
Questo quaderno è sporco di caffè, o di thè o di qualsiasi altro liquido marrone.
Immagino di morire e di lasciare un grande dolore intorno a me.
Violet, quella che. Ah. Si! Violet, la conoscevo.
Invece farò la fine che fanno tutti gli altri, la gente si dispiacerà per un po?, rispolverando qualche ricordo e poi archivieranno tutto.
E cazzo no.
Io vorrei lo strazio, il dolore più atroce, i sensi di colpa più laceranti per la mia morte.
Il rumore, ecco.
E? una dannata questione di rumore, e io ne voglio tantissimo.
Piola, fermata Piola.
La voce metallica della stronza della stazione.
Io immagino che sia una signorina con i capelli biondi e il rossetto rosso, una di quelle che fa impazzire gli uomini, però poi agli altri dico che secondo me la tipa è brutta, che ha gli occhiali da maestrina, e i nei grossi in faccia.
Lo dico perché l?unica bella devo essere io.
Ma perché cazzo stavo parlando della morte.
Non lo so.
Sabato ho beccato dei miei amici e siamo andati tutti a casa mia.
Ci siamo messi a bere e a parlare fino alle quattro di notte.
Michele ballava come Amanda Lear al centro della stanza e tutti facevano il tifo per lui.
Qualche anno fa era bello aspettare il sabato sera, ora invece mi sta sul cazzo.
Qualche anno fa mi ubriacavo di più.
Ridevo di più.
Qualche anno fa Michele che ballava come Amanda Lear era un sacco più divertente.
So il perché di tutto questo, ma non voglio ammetterlo.
Voglio solo tornare indietro.
Manomettere quei dannati circuiti che regolano le azioni, i comportamenti e tutta la merda che mi ha portato fino qui.
E magari stavolta potrò riuscire a diventare la nuova Madonna.
Perché era questo che avevo deciso a nove anni.
A volte, si resta intrappolati nei ricordi.
Come nella tela di un ragno.

Come muore un italiano medio

Mercoledì, 12 Aprile 2006


Io uso internet tutti i giorni.
Cosa sarei senza internet.
Ho bisogno, del web, di comunicare, di odiare e di disprezzare tutto quello che vedo. No dai, non tutto, la maggior parte.
E poi ho bisogno di sapere, chi viene da me, e voglio sapere tutto, dove abita, che lavoro fa e come si connette.
Sono la vigilessa che dirige il traffico di tutte le teste di cazzo.
Funziona così: tu ti siedi alla scrivania e che ne so, cominci a cercare un film porno, o le parole di una canzone, o i rimedi per guarire la psoriasi, digiti www.google.it, immetti le parole che intendi cercare, ed ecco, per caso, potresti trovarti sul mio blog.
Forse dovrei cambiare linguaggio.
E credo che dopo settimane che raccogli chiavi di ricerca, capisci quali siano i gusti sessuali degli italiani, le loro paure, i loro sogni, i loro problemi.
Ho fatto proprio un buon lavoro, cazzo.

Prima sezione, in ordine sparso

ubriaca pisciata addosso
unghie finte con attack
foto di donne che cagano sul cesso
Ciao comprati arrapao squallor
foto di donne che cagano sul cesso
figa+morbosa+foto
SEGHE O SUCCHIOTTI
domino harvey foto
pisciata addosso
chuck norris annega i pesci
pisciata addosso
foto del popper (acido)
scopata alla festa delle donne foto
sottana scopata
ti fotto la mamma
come raggiungere il cuore amata
vendesi edicola a cesenatico
scheda libro di carmilla di le fanu
CAZZO IN GOLA
troie
troie
scarpe da puttana
ANFETAMINA
presentatrice formula uno

Ecco in questa prima sezione constatiamo una passione smodata per le troie e per il cazzo. Per le cagate e le pisciate, la coprofagia insomma. In mezzo a tutto questo compare il romanticone che cerca la frase ad hoc per l?amata, la stessa donna che poi cornificheranno davanti ai pornazzi.
E? che quel marito, quel ragazzo che ti metterà l?anello al dito biascicando ?per sempre?, sarebbe pronto a scoparsi tua madre.

Seconda sezione in ordine sparso

foto grattarsi i coglioni
Madonna scoregge in bocca
puttana abbiategrasso
cazzo
cazzi finti e veri
troie
ringiovanire la pelle crema americana
guardare foto tutte donne incinte in mutande
troie
qui comincia la sventura del signor bonaventura
sentire portishead di roads
foto ragazza con tetta di fuori
immagini muri rotti
ho fotografato i tuoi sogni
CAZZO CHE TI SI FREGA
scopate da panico
“i miei sogni erotici”
mutande adriana lima
cazzo nel culo
succhiotti ai cazzi
effeics
pisciare nella piscina
dimagrire il culo
culi magnifici
actigrip
sputo culo
troie
joyangeles
a letto con la mia ragazza foto
VAFFANCULO NEL CULO
fica succhiata
cazzo
ape maia cosa fai sul mio panino
gli ho fatto un pompino in ascensore
lasciare una persona non adatta
prima comunione bomboniere
ass fidanken drive in
scopa rotante
“sono pisciata addosso”
foto puttana del giorno
canzoni sui laziali di merda
la mia ragazza fa la cacca
foto donne che cagano sul cesso
bomboniere prima comunione
ray misterio
cazzi in gola
thelma e louise foto
immagini per dire vaffanculo

Sempre la stessa passione per le troie, per la merda e per il piscio. Poi vorrei capire come si fanno i succhiotti ai cazzi, ma pezzo d?idiota non è più facile dire pompino?
Oltre l?ossessione sessuale c?è la maschera di bellezza per ringiovanire, rigorosamente americana, perché in america sono un pezzo avanti, e in fondo dagli americani ti compreresti anche una sedia a tre gambe se ti dicessero che sedendoti su quella, avresti la possibilità di viaggiare nel futuro.

Terza sezione in ordine sparso

puttane baby
pisciata addosso
ray misterio 619
Stratovarius Destiny
francesca lodo ubriaca
foto del cazzo
rimedi omeopatici per male ginocchio
tutte le immagini sul futting
culo sporco di merda
mondo marcio albania my music
cazzi infilati
blog contro gli uomini
verginelle zippate
foto gatti stupide
buco del culo foto
foto io non ho paura
cicciolina che si mette un serpente nel culo
foto figa marcia
foto buffe sexy stupide
disgustante o disgustoso
BRUCIARE NEL FUOCO DELLE PROPRIE EMOZIONI PASSATE, DI RIVIVERE GIOIE E DOLORI, CADUTE E RIPRESEGoogle)
cazzo dps
gatto pipì VASCA
mamma sculaccioni -sesso -adulti -porno -erotici
psioriasi
orgasmo urlo
scooby doo braccialetti
gianluigi ricuperati,
HEATHER PARISI sudata
david bowie disturbo bipolare
cazzi del mondo
“stefano cece”
nuda sulla cyclette
er cipolla
la puttana della mia ragazza
troie a caccia di uomini
ray misterio
pieni di merda
sandra cell 340 puttane
tutti i cazzi
anfetamina
cactus americani
braccio di ferro e olivia foto
Bukowski DONNE GRASSE
porco dio fanculo sono stanca
bomboniere prima comunione
anfetamina
cocainomadi
pallina in gola
scopa rotante
my bloody valentine testo tradotto
seduta in faccia
tappeti pelosi
cazzi in gola
“mutande bagnate”
uomini cazzi
foto mani in figa
cazzo
iggy pop – candy traduzione
camminare per un’ora dimagrisci
foto troie donne sul cesso
pisciata addosso
anelli in culo
monitoratore
blog bukowski
mi scoppia vescica pipì addosso
io non bevo…caffè¨ “io non bevo…caffè
tirare i capezzoli
“trattenere la pipi”
centocelle nightmare 8 marzo
cazzo
culi sporchi merda
mano morta sulla figa
traduzione testo “My bloody Valentine”
tutti cazzi
scopa rotante opinioni
casalinga puttana
incazzata porco
Blog con foto
pali nel culo
commenti delle mamme sui cazzi
actigrip
popopopopo
alghe dimagrire opinioni
barbie sadomaso
schiena sudata eros
cazzimbocchi
scopa rotante+commenti
mia madre mi succhia il cazzo
cazzi tutti neri
aggirare tasto destro disabilitato
scooby doo intrecciati
ho voglia di essere scopata
fante bukowski
andare a fare l’amore foto
libro il tuo sacro io
e i suoi capelli incendiano l’aria
ho pensato molto al tuo culo
cerotti naso pori dilatati
culi neri rotti
Tutti I Cazzi
foto di donne che si pulisce il culo e cagano
bracciali intrecciati
sono una puttana
io sono ciò che ho
mi ha pisciato e cagato in faccia
scopa rotante
foto di pentiti
mi piacciono le donne grasse
influenza febbre alta flebo
bionda nivea
sono io non sono una donna????
culo siringa
canzone goccia senso della vita bonolis
carima enterprises problemi
domino harvey
chi è ray misterio senza maschera?
spermaparty
lolita figa
ray misterio
si era pisciata addosso
foto ultrafiga
lolita ero
cazzi cinesi
danydonna merda
visita culo di mia moglie
tori amos northern lad ascolta
lol roft
pisciata addosso
fare il fruttivendolo
schiena sudata eros
cazzimbocchi
nascondere succhiotti
“sono pisciata”
quando ti senti solo
goccia
guardare sotto la gonna
troie
spompinazzi
la puttana degli anelli
Aspetta Primavera Bandini + riassunto
cucina fotto
mi puzza l’uccello
foto verdena
siringa culo

Ma perché la gente è così ossessionata dai culi sporchi di merda?
Dalla puzza, dagli odori prodotti dal liquido seminale, dagli umori della vagina.
Io direi una cosa: omosessuali-eterosessuali 1 a 1.
Ormai siamo pari, tu, macho hai smesso di predominare, per te è arrivato il tramonto, l?estinzione, la fine.

Quarta sezione, in ordine sparso

doc quando by pfm
zooprovider
telefilm ladre
primavera giramenti di testa allergie
pesci rossi bukowski
alen delon figlio
maremma bucaiola gergo toscano
angeldevil moda uomo
protuberanze sul capezzolo
orgasmo culi
VESTIRMI DA FIGA
“gente che va a troie”
mucca verticale muore
ho fatto una pisciata
nel culo di mia madre
domino harvey
foto festini privati
naso otturato fumo
mia moglie si fa scopare da 2 neri
sensazione di pisciare in faccia a troie
“pompino ad un prete
psioriasi
Mr.bean che cammina
mal di pancia cacate
mano sul culo
i cazzi piu lunghi foto
spompinazzi
Ho scritto qualcosa mi viene cancellato perche
pallina in gola
la mamma del laziale è una puttana
Porco dio file audio
riassunto aspetta primavera, Bandini
dottor figa blog
ma che giornata di merda foto
moda sottana
COMPRATI ARRAPAO
primperan
foto buchi del culo
mi sono scopata mia madre
FOTO GENTE CHE CAMMINA (Arianna)
troion festa universitaria viale
opinioni sul viso di bette davis
anfetamina
io e mia madre xxx
slip pesciolini rossi
cazzi + lunghi del mondo
foto ragazza ubriaca
domino sottotitoli
quando lo senti entrare nel culo
bomboniere laurea rossi
foto festini privati
mie foto pantaloni pelle
Kids Foot Locker
cucina fotto
mi puzza l’uccello
zooprovider
telefilm ladre
nascondere succhiotti
guardare sotto la gonna
sassy+pidocchi
NOMI DA ZOCCOLA
La Mona De Le Galine
cazzi in gola
culi mosci
ingoiare-sperma-fa-male?
la mona dele galine alpini
ass fidanken
annusare il buco del culo
pfm dracula chord
scale rivestite moquette
borse d&g
caterina guzzanti intervista
devastate nel culo
I BAMBINI SI PISCIANO A LETTO
foto di mia moglie in mutande (Arianna)
infilata nella figa
CANTANTI ANNI 80 FOTO
cos’è un bukkake foto
“be afraid” ficarra picone
pippi cazzi lunghi
uomini in cravatta foto
in cameretta mia scopata
hey wait i’ve got a new complaint
mi masturbo tra tette
foto mani figa
10 100 1000 nassiriya vuol dire
canzoni stupide su babbo natale
chi scoperebbe Billie Joe?
cazzi vecchi e neri (Arianna)
foto casa ragazza 13 anni de mutande
crimen perfecto soundtrack
avantgarde parrucche
In parte a me Verdena
boccetta di popper
scherzo jingle bell
cucina terrona
immagini inculamenti
dropout blog tiscali
filmati porno cuba
foto della donna con il seno piu grande del mondo
alice succhia cazzi
orgasmo (Arianna)
il mio cuore non dice la paura che ho
candy baby
contro un brufolo
odio la gente bukowski
gerry scotti peloso (Arianna)
io ci credo bravo stronzo
henry bahus
donne annegate
britishbukkake
puttana cocainomane
Francesca Lodo senza trucco
foto di figlio che scopa mamma
grande cazzo foto
portami sul cazzo (Yahoo)
tony ely
coglionate
foto di puttane che fanno l’ amore in machina
foto seminuda (Arianna)
david bowie donne amanda (Arianna)
domino radiatore
scarpe coach
i cazzi più lunghi del mondo
ragazza porca scopata mentre parla al cel
vera faccia ray misterio
ubriaca pisciona
quella porca di francesca lodo
“giovani stronzi”
isaac b singer piedi nudi (Virgilio)
mamma figlio voglio scopare dai cazzo grosso
ragazza moglie cazzo
cazzi duri e lunghi
misia verdena
mia moglie è una merda
mani infilate completamente nel culo di donne
troie dette anche puttane
foto fornaia
popper traversa corso buenos aires
coglioni blog
signore sessantenni che fanno l’amore
ossa pene procione
tutti coglioni blog
magari ti chiamerò trottolina amorosa
a cosa serve la rosa canina composta
blog sui coglioni
herzigova magra
mia moglie scopata da altri
sagra delle scoregge
foto di buchi del culo
Ricordi ciò che diceva Nietzsche? “vivi percolosamente”,Cosa gli e successo poi..?
prendeva la ragazzina da dietro
faccia di merda foto
verginelle di culo
blog “sono fica”
AVRIL LAVAGNA
sempre nel culo
blog tettina
io mi rompo i coglioni canzoni gratis
ragazze che petano
over 50 troie
foto di una merda
tutti i cazzi per un culo speciale
bimbe erotiche foto (Arianna)
donna lupo contro vampira
lolita
Non ci sono tutti questi coglioni video
foto culo sporco
ZOCCOLA VECCHIA
cazzo frocio foto
grasse ardenti
ti fotto
panna sulle tette
donne pipì trattenere scappa
PINA PORCA
tua mamma è una puttana
groupie pompino
figa incinta il favore
scopata folle
MISANTROPIA E IMPOTENZA
seminuda balcone
capezzoli contro capezzoli
troia sborra fica culo splinder.com
con il culo sopra un cazzo
coglioni aforisma
coolstream canale 50
notte dei 2006
tacchi incastrati
BLOG KIWIDO
quanto conto per avere 1 once
SONO DEI COGLIONI
ANCHE IO SONO UN COGLIONE
Lateral Tight Trainer
non ho bisogno di nessuno
foto sono un coglione
meglio coglioni
mando una fototessera bianco nero
foto culo con siringa con ago
santacroce fotografie sadomaso
dropout blog tiscali
www.britishbukkake,com
candy cucina 5000
miopia galoppante
blog depresse soft cell
cazzi in gola
immagini rose nere
“cos’è lo stato di grazia”
FOTO DEL MAGO GALBUSERA
scarpe da troia
BLOG COGLIONI
la canzone dei coglioni
strizzami
insultare col la lingua
voglio dare via il culo ho bisogno di soldi
la saggezza per capire il mio capo
paul e nina fungo belsatan
moda scarpe anni 90
culo vecchi uomini foto
trombano mia moglie
figlio di cristiano godano
pugilessa blog
CAZZI IN BOCCA
amo la mia ragazza ma mi piace anche un altra
anch’io sono un coglione
cogliona e me ne vanto magliette
io sono un coglione
il sedere di madonna
ti sbrodo dentro
www culi sul cesso
fungo dell’unghia
immagini rose nere
sottana per la prima notte
violet
quando morirà mia moglie?
eccita pipi trattenere
ma che mani quel chirurgo plastico che genio la tua pelle non ha età un nuovo look una nuova moda
foto mia moglie scopata da due uomini
la bionica adesso
piccoli cazzi foto
puttane over quaranta
FOTO DI CULI SPORCHI DI MERDA
ruti e scoregge
ulo fottuto
cazzi piccoli foto
foto uomini rasati
magik cake
“come parlare sporco e influenzare la gente”
muco nasale secerne su di noi
i cazzi del mondo
blog rossi coglioni
mia moglie fa l’amore con il suo cane
corona di spine in testa a gesù
ti piace la mia foto? sono bella?
derve
foto schifo
io scoregge
labbra sporgenti
dottore mi sanguina la figa ho 12 anni
immagini intime sotto le gonne
pina puttana
dispetti e provocazione
manuale kalocell
john cena e la sua morosa
anche io odio i kiwido
cerco una ragazza con cazzo nel culo
foto fica non volgare
bastone elettrico
Solo una testa di cazzo come lei può pensare una cosa del genere.
+faccia +respira addosso +angelo +presenza +stanza
BACIO TERRY CANDY
cuore settimanale rubrica vetrina
capezzoli sporgenti

I pedofili abbondano.
La gente vive il sesso con rabbia. Gli uomini sognano di picchiare le donne a colpi d?uccello. Di farle gridare inculandole, per sentirsi forti.
Percentuale di frustrazione = 99%
Ho controllato anche gli orari, il provider, gli assegnatari dell?IP.
Navigano di mattina come pazzi, nelle otto d?ore d?ufficio. La maggior parte è gente che lavora in banca, Cariplo, San Paolo, o in uffici della Pirelli, Vodafone, e aziende di ogni genere.
Credi che il collega a fianco a te stia lavorando? Con quella faccia tutta seria e assorta.
Sbagliato, sta trattenendo l?erezione davanti ad un porno sadomaso in cui un branco di neri si incula a sangue una donna sulla cinquantina.
Amico, non aver paura di scoreggiare, basta a trattenerti, mollala, fingeranno una faccia schifata e poi digiteranno su google ?troia che si fa scoreggiare in bocca con figa aperta?.
Proteggete i vostri figli, non fateli navigare fino a 18 anni o in caso contrario sorvegliateli, fate in modo che siano protetti porca troia, sto per incazzarmi.
Non fidatevi di nessuno, né della vostra fidanzata, né di vostro marito.
Chiudetevi a chiave.
Siate puliti.
Non parlate.
Non pensate.
Pregate e basta.
Accendete una candela tutte le notti prima di andare a dormire.
Il senso di colpa è lì seduto sul vostro letto.
Che vi aspetta.
Con il pigiama a strisce di flanella.
E le pantofole da uomo perbene.

Devo dimagrire cazzo.

Lunedì, 10 Aprile 2006


Per me ogni uomo è un potenziale assassino, se poi la gente vuole impazzire e mettersi a gridare in mezzo alla strada alle tre di notte ?IO NON LO FAREI MAI?, bhè per me è solo l?ennesima manifestazione di una violenza latente.
Quella che c?è dentro ognuno di noi.
Nessun assassino da piccolo sognava di uccidere, quindi domani potrei essere io ad essere presa dal raptus, dalla follia , dalla disperazione.
Dio, qualunque faccia tu abbia, dammi la forza per non fare mai cazzate simili.
Impazzite e indignatevi solo quando ve lo ordinano i media, pecore del cazzo.
Giò è tornato da Roma, odia Milano e questa è una cosa positiva. Solo che ora è lanciatissimo con le droghe e i rave party, con l?anfetamina e tutta una serie di merda.
Mi ricorda me.
Perché a 20 anni non hai paura di niente, e quando non hai paura fai un sacco di cazzate, io ho smesso di farle quando ho conosciuto il terrore e la solitudine.
Siamo andati da Pippo e mi dispiace vedere quell?uomo dietro un bancone, che tira tardi fino a quando tutti gli ubriaconi non vanno via.
Avevo poggiato il mio bicchiere di Montenegro sul suo frigo nuovo, quello per i gelati, e l?ho fatto cadere. Tutto l?amaro, appiccicoso e marrone sul suo frigo, quello che ha comprato dopo che gli è morta la moglie, dopo anni di sacrifici a respirare la merda di tutta la gente malsana che frequenta il suo bar.
Gli ho detto di darmi lo straccio, ma quello è il suo frigo, il suo bar, e si è messo a pulire da solo.
Prima ha asciugato tutto.
Poi ha lucidato quel vetro trasparente e ancora vergine, senza graffi.
Lo guardavo e mi sono sentita una merda, per non essere stata attenta e per aver urtato il bicchiere distrattamente.
Una vita così, che senso ha.
Aspettare di finire i tuoi giorni in un bar, tra le cose che hai comprato dopo 40 anni di duro lavoro. E domani chi lo sa, non ti serviranno più e la tua roba si farà toccare da un altro.
Roba puttana, pronta a vendersi per il primo disposto a pagare.
Dovrei sbarazzarmi di tutto quello che ho, liberarmi da questa schiavitù delle cose, le mie cose, i miei dannati oggetti, quelli che per gli altri sarebbero solo cianfrusaglie.
Senza di me.
Mi sono ritrovata a piangere davanti a King Kong, perché il lato umano dello scimmione mi ha toccato profondamente. Guardi quel film e poi ti chiedi se il mostro sia quello con i peli e le zanne o tu, con le tue All Star e i jeans.
Sei tu.
Il mostro.
E ho pianto anche davanti a Karate Kid ieri pomeriggio. Anche se la trama è sempre quella, quella trama banale, per ragazzi, che ti dà una speranza se sei buono, mentre se sei cattivo alla fine di tutto perderai.
Ma non è solo questo, è che ricordo me tutta piccola in quel cinema immenso con le sedie di legno e il tetto apribile, a guardare Ralph Macchio e lo trovavo davvero forte. Ieri invece mi sembrava un coglione, e sono arrivata ad avere il doppio degli anni che aveva lui quando per me era un mito.
Tutto finisce così.
Questo è il finale che non troverai scritto in nessun cazzo di film.
Ti svegli e non sei nessuno, ma preghi per non diventare come Pippo, per non diventare come quelli che si indignano a comando, per non diventare come Giò, per non diventare un ?mostro? come King Kong e un coglione come Ralph Macchio.
Datemi un sogno e continuerò a sognare.
E a non pensare ogni fottuto minuto alla stramaledetta prova costume.
Dimagrirò. Dimagrirò.
Sarò bella e affascinante.
E tutti mi ameranno.

Una pisciata in un cesso pubblico: 0,70 centesimi

Giovedì, 6 Aprile 2006


Verona.
E? una città bellissima. Ci sono gli autobus che vanno a gas naturale.
Per proteggerci da noi stessi.
Mentre ero sul treno un vecchio seduto di fronte a me si è messo a guardarmi le gambe e mi sono innervosita.
La gente non capisce proprio un cazzo.
Quella faccia rugosa, che schifo.
I suoi pensieri sporchi, magari ha immaginato di alzarmi la gonna. E magari gli è venuto duro a quel porco del cazzo, gli è squillato il telefono e ha cominciato a parlare con tono amorevole.
Da bravo nonno.
Tutto casa e famiglia.
Che viaggia sul treno col cazzo in tiro.
Vorrei poter leggere i pensieri della gente con metodo scientifico, ci riesco già solo che non posso provarlo. Ecco dovrebbero inventare una macchina che li scriva automaticamente, che li imprima su carta come prove indiscutibili della loro colpevolezza.
La carta.
Mentre ero sul treno ho visto un sacco di alberi morti, nei pressi di una cartiera.
Poveracci, pensavo, un attimo prima sono lì a succhiare vita dalle radici e un attimo dopo eccoli con una faccia da politico stampata addosso.
Trasformati in manifesti pubblicitari.
La campagna elettorale.
Tutti gli sprechi sono leciti.
I volantini.
La gente prende i volantini perché non ha le palle di dire: no grazie. Soprattutto quando a porgerteli sono dei distinti signori di mezza età, pensionati, affiliati al partito di turno per noia.
E allora l?uomo medio, Cristo, io odio l?uomo medio, il borghese, il signore per bene, prende il volantino, non lo legge, gira l?angolo e se ne sbarazza.
Perché questo è un popolo di vigliacchi.
Un popolo che come il vecchio del treno fa le cose dietro l?angolo.
Violenta dietro l?angolo.
Ama dietro l?angolo.
Piscia dietro l?angolo.
E così i marciapiedi sono tappeti di volantini. Loro volano. Percorrono quel mezzo metro che intercorre tra le mani dell?uomo medio e l?asfalto.
E poi fine.
La vita gloriosa di un albero assassinato. Mi incazzo, non so se sia normale, ma provo rabbia.
Mi porgono un volantino per strada.
?No, che schifo!?
?Come che schifo??
E mi allontano.
Crudele, da sola, mai con loro. Mai.
La tassa sulla casa, la tassa sul conto in banca. La tassa sulla pisciata.
Verona.Ancora. Stazione Porta Nuova. Il costo di una pisciata è di 0,70 centesimi. Metti i soldi in una macchinetta, si aprono le porte scorrevoli e vieni automaticamente catapultato in un cesso pulito.
Dove gli scarichi sono violentissimi e disinfettano la tua pipì malata con disprezzo.
Hai pisciato e ora vattene fuori dal cazzo.
Ora i cessi hanno imparato a pensare, stanno finalmente capendo che il loro è un lavoro di merda, e reagiranno. Ci sarà una rivolta un giorno l?altro.
Spero di morire prima.
Nessun politico-faccia-di-merda-succhicazzi ha parlato del costo della pisciata.
Sempre sul treno.
Osservavo una bambina. Secondo me esistono bambini brutti, bhè questa lo era, proprio brutta, sembrava un cane. E le sue grida, i suoi capricci erano odiosi perché era brutta, e tutto questo sommato faceva di lei un piccolo mostro.
Mi sono sentita una merda, ho cercato di distogliere lo sguardo per evitare lo Tsunami che stava per abbattersi nella mia testa.
E ho capito.
Che la pazzia appartiene a tutti, che la bontà non esiste, che con vestiti diversi, in condizioni diverse, tutti potremmo buttare un bambino nel cesso.
Siamo tutti dei mostri.
Ora mi siedo.
Aspetto la fine del mondo.
E la rivoluzione dei cessi.

Nessuno può mettere Baby in un angolo

Lunedì, 3 Aprile 2006


*Io sono per il linciaggio.
Per l?inculamento a crudo.
Per la sofferenza lenta e prolungata.

*Di nuovo lunedì mattina.
Chi l?avrebbe mai detto, cazzo. Ho visto un cartellone pubblicitario gigante con il viso di una bambina.
Qualcuno le ha scritto in fronte: Bollita? Nooooooo!

*Davanti a me, sul treno, c?è un tossico.
Vecchio.
Con le cicatrici sulla gola.
Quando ti vuoi fare e hai le vene come un colabrodo, arrivi a bucarti anche lì.
I tossici sono maledettamente riconoscibili. Non riusciranno mai ad essere delle persone normali.
Tossico, con quel cappellino nero, in questo vagone sei solo.

*Perché le persone leggono Gente, Chi, Oggi, Novella 2000.
Perché sono tutti così disperatamente medi.
Normali e contenti.
Con la testa avvolta nelle loro sicurezze labili e nei gossip di quattro stronzi dello star system.
Senti, puoi anche smettere di guardare quella foto a bocca aperta, per avere i denti così malvagiamente bianchi, come la tizia sul giornale, devi farteli sparare col laser.

*Mi sembra di aver perso tempo.
Dio, un sacco di tempo.
Su questo treno.
Nel mio ufficio.
Mi sembra di essere stata a marcire in un angolo. A sbattere la testa contro il muro cercando di affermarmi.
A che cazzo serve affermarsi in un angolo.
Non frega niente a nessuno se ti conquisti il tuo posto all?ombra.
Dove si incontrano i muri. Non ti salvi neanche in caso di terremoto.
E così.
Mi sono fatta i miei conti. Domani parto.
Vado a fare un colloquio.
Mi porto dietro tutta la mia faccia di cazzo, un paio di frasi pronte sulla voglia di lavorare, sul bisogno di partire, su quanto sono in grado di dare.
Sull?esperienza.
Quella che diventa importante a furia di stringere il culo e toccare merda.
Mi vesto bene, mi stiro i capelli, insomma devo sembrare una tipa ordinata, con la testa a posto, una di cui c?è da fidarsi.
Fidarsi un cazzo.
Devo solo fare in modo che mi dicano di si.
Devo fare in modo di sembrare una tipa insostituibile.
Devo fare in modo che il mio telefono squilli, che mi richiamino.
Fatto questo salirò sul traghetto.
E vaffanculo.
?Nessuno può mettere Baby in un angolo.?