La notte nel pugno


Cammino sui binari bagnati.
Lucidi, come lame affilate.
Sulla mia testa una corona di fili elettrici.
Le macchine sono colme di gente. Una bionda con tre uomini. Penso che sia una di quelle puttane di lusso, non come quelle che battono sotto casa mia dalle dieci all?una e mezza. Loro sono battone a buon mercato, glielo si vede dai vestiti e da quegli stivali con i tacchi mostruosamente storti.
Gli spazzini agli angoli delle strade mi guardano ammiccanti, nel momento in cui divento oggetto delle loro occhiate, vorrei morire.
Arrivo alla fermata, mi appoggio al palo e aspetto l?ultimo autobus.
Stringo forte il mio libro.
Guardo il selciato, la luce proietta le ombre della gente in avvicinamento, posso tenere sotto controllo la situazione.
Se per terra vedo solo una testa, allora va tutto bene.
Se invece vedo il busto di qualcuno, allora vuol dire che devo girarmi e controllare che nessuno mi si avvicini troppo.
Il telefono è in tasca, insieme ai soldi della settimana scorsa.
Lascio sempre la porta finestra di casa aperta, se qualcuno dovesse rubarmi la borsa potrei sempre entrare dal balcone della vicina.
Tutto studiato nei minimi dettagli.
Sotto casa non c?è nessuno, sono tranquilla. Entro nel portone, si sente ancora quella puzza, a piano terra c?è un marocchino che viene a dormire abusivamente e poiché l?appartamento che ha occupato non è ad uso abitazione, non ha l?acqua in casa. Tutto l?ingresso del mio palazzo ha preso l?odore della sua merda e dei suoi piedi sporchi. Sulla sua porta sono attaccati decine di fax di condomini che si sono rivolti alle forze dell?ordine, ma ad oggi nessuno è ancora venuto a fare un cazzo.
Salgo le scale a piedi, passo davanti alla casa della vecchia.
Non si sente niente.
L?altro giorno l?ho incontrata per le scale mentre chiedeva aiuto, era in stato confusionale, diceva che le faceva male tutto e mi ha chiesto se potevo chiamare un dottore perché voleva andare in ospedale, io le ho detto di si e siamo andate a casa sua. Prima di entrare lei ha infilato le chiavi nella toppa, ma la porta non si apriva. Aveva sbagliato appartamento, quindi ci siamo messe a cercare il suo, quello con il cognome giusto sul campanello.
Trovato.
All?interno non c?era spazio per muoversi e si sentiva un odore pungente di fumo, tipico di quelle case in cui non si apre mai la finestra per cambiare l?aria. I mobili erano tutti marci e opachi e al centro della stanza, l?unica, c?era un letto enorme in cui dorme lei e quel coglione di suo figlio, un alcolizzato cinquantenne. Uno con capelli rossi e la faccia da cirrosi epatica.
Ho aperto i cassetti per prepararle una busta con il pigiama e le mutande. La roba era vecchia, gialla, mangiata dalle tarme. C?erano soldi un po? dappertutto, avrei potuto rubare qualcosa, ma non l?ho fatto.
Diceva che il figlio la picchiava e che era scappato, diceva che forse stava scopando in un parco.
Mentre parlava speravo di morire prima di arrivare ad 81 anni e di ridurmi a un mucchio di pelle, ossa e pazzia.
Sono arrivati quelli della croce rossa e se la sono portata via.
Ho lasciato un biglietto sul tavolo di casa sua, ?Tua madre è in ospedale?.
L?ho guardata entrare nell?ascensore sulla sedia a rotelle e sono andata via.
A casa non accendo più il riscaldamento perché devo risparmiare, ma ci sono momenti come questo in cui sono nervosa e in più ho freddo, ma non posso permettermi un cazzo per il momento.
Ho deciso di farmi i soldi sulle troie della mia facoltà, quelle che girano con le borse di Roberto Cavallo, quelle che parlano stando bene attente a sottolineare quanto siano stati bravi i loro genitori a regalargli la Mini Minor per il compleanno.
E poi si presentano all?esame e prendono 18.
Io non sopporto la cocciutaggine. Non sopporto le ragazze che non studiano, che non sanno parlare e che balbettano davanti ai professori, cresci per Dio. Ho escogitato un modo per avere libri gratis e per mangiare su queste inutili teste di cazzo.
Le mie amiche scherzando mi chiamano ?l?aguzzina?. Quando mi sento chiamare così mi immagino passeggiare per l?università con la coppola e il sigaro in bocca come una mafiosa vecchio stampo e questo mi piace molto.
Vuoi l?esame completo?
15 euro.
Vuoi le fotocopie del libro?
Dieci euro.
E portameli subito altrimenti niente esami e niente appunti, brutta testa di rapa.
Sto soffrendo di attacchi di panico, non so perché, la notte addormentarsi è diventato un miraggio, mi sembra di stare per morire, riesco a dormire solo dopo essermi masturbata due o tre volte.
Molto deprimente, davvero.
Resto sveglia fino a tardi e guardo la televisione sognando il Giappone, dove una donna può camminare tranquillamente a qualsiasi ora della notte, sogno di uccidere la russa accattona che lavora con me, con quella sua pelle grassa e lucida che mi fa davvero incazzare, sogno di picchiare a sangue le mie ex compagne di liceo e di avere una bambina. Mi immagino mentre racconto alla mia futura figlia la mia vita, e le dico che non deve cercare di fregarmi, perché io ho fatto tutto alla sua età.
Alla sua età.
A quindici anni ero già un?esperta di canne e di tutti i tipi di amari.
Il mio migliore amico si chiamava Louis. Era frocio, ma ancora adesso fa di tutto per nasconderlo. Era talmente convinto di non esserlo che mi usava come copertura, pensava di essere innamorato di me e quando mi guardò confessandomi i suoi sentimenti io cominciai ad odiarlo.
Anche io lo usavo come copertura, lo portavo con me dagli sballati, così potevo drogarmi tranquillamente mentre lui guardava. Uscivamo sul corso principale così mio padre vedendomi con Louis che era notoriamente un bravo ragazzo, non avrebbe potuto sospettare niente.
I suoi genitori però si erano accorti di tutto e quindi un bel giorno gli vietarono di uscire con me.
Fui costretta a fare tutto da sola, mi aggiravo per le strade secondarie del mio paese, fumando e bevendo di qua e di là.
Una volta ero così ubriaca che tornata a casa mi misi a pisciare sul balcone e precisamente nel vaso dell?albero di natale che piano piano stava seccando dopo aver illuminato con le sue palle casa mia, qualche anno prima.
Il conflitto con mio padre in quel periodo si faceva sempre più aspro e io ero così stanca che pensavo in continuazione di uccidermi buttandomi dalla finestra.
Compravo rullini da 24 per la macchina fotografica e ogni giorno mi affacciavo alla finestra e scattavo fotografie verso il basso, per cercare di capire quanto mi sarei storpiata una volta che mi fossi buttata di sotto.
A quei tempi uscivo con i relitti del CEP (centro elementi pericolosi) e loro mi insegnarono ad uccidere i gatti e ad usare e fabbricare una fionda, mi insegnarono anche a fregare la gente, soprattutto gli strani, quelle persone di trent?anni che non ci stavano tanto con la testa.
Riuscivo sempre a rimediare almeno 10.000 lire al giorno.
Il culmine lo raggiungevo durante i giorni della festa del mio paese, quando c?era un sacco di gente e si poteva scroccare a destra e sinistra.
Mi sputtanavo tutto in alcolici e poi andavo a farmi due giri sul Tagadà. Il Tagadà per me era il massimo. Mi sedevo sul disco e mi reggevo forte allo schienale. Il tipo dalla consolle metteva le canzone disco del momento ?This is the rythm of the night? ?What is love? ?All taht?s she wants? e cazzate del genere, incitava le ragazze a mantenersi le tette perché quello sarebbe stato un giro davvero fico.

Breve storia del Tagadà.
Un tempo il Tagadà si chiamava ?Ballerina?, la struttura della giostra era più o meno la stessa, solo che al centro c?era un grosso manichino, una ballerina, con tanto di tulle e posizione classica. Col tempo la ballerina è stata soppiantata dal tamarro di turno, e quindi ecco il Tagadà, parola che in altri termini vuol dire: il palco girevole del tamarro di paese.

I tamarri di paese si mettevano in piedi al centro della giostra e cantando le canzoni del dj dimostravano a tutti quanto erano bravi, a volte facevano finta di cadere per tuffarsi sulle ragazze e mettergli le mani tra le gambe. Era l?unica occasione che avevano, come biasimarli.
Mi divertivo davvero tanto e qualche volta mi capitava di pisciarmi sotto dal ridere, per lo sballo che già avevo in testa.
Una volta scesa dal Tagadà mi fiondavo sugli autoscontri prendendo una macchinina in coppia con uno dei miei amici relitti, guidavamo come matti e andavamo addosso a tutti quegli stronzi figli di papà. Ogni volta che cozzavamo con una delle loro macchine io mi sporgevo e gli mollavo anche un ceffone dietro la testa, gli tiravo i capelli o gli stampavo una pedata sulla coscia.
Se invece ci venivano addosso facevamo il possibile per vendicarci dello schianto subìto con tutta la violenza possibile.
E allora io mi sentivo viva.
Il conflitto con gli altri, con mio padre, mi teneva in piedi.
Adesso invece, la guerra con me stessa mi spezza in due.
E mi ritrovo di notte, a casa, sul balcone, ad esplorare la distanza fra me e i palazzi di fronte, carichi di gente.
Io e gli altri.
La solitudine e la folla.
Io davanti e dietro il buio.
Con la notte nei pugni.



113 Commenti to “La notte nel pugno”

  1.   lo' Scrive:

    notte, ste.

  2.   luca Scrive:

    ciao violet grazie del tvtrb!!! bella la e-mail della tua amica vigilessa di roma ha un cuore d’oro come te!!! un bacio luca

  3.   Guiro Karelias Scrive:

    Mi hanno risposto che si tratta di un inconveniente tecnico momentaneo..Probabilmente sono paranoico ma ho visto che ad esempio neanche questo blog è presente nella sezione tutti i blog dalla a alla z..

  4.   Guiro Karelias Scrive:

    Annuncio agli inteligentissimi lettori di questo notevole blog (della notevole violet) che dopo neanche 2 mesi dall’apertura del mio modesto blog del modesto Guiro Karelias) sono stato scomunicato dalla redazione di tiscali, credo per questo innocentissimo post http://guirokarelias.blog.tiscali.it/ka3200973/ che mischiva il profano delle mie banali vicessitudini al sacro dell’accostamento al signore di bianco vestito che parla alla finestra.
    Non vi è traccia di me nell’elenco blog dalla a alla z, e quando inserisco un nuovo post non viene data visibiltà nell’apposita sezione ultimi post. Ho chiesto spiegazioni alla redazione di tiscali, sono ancora in attesa. Me ne rammarico. Io sul serio. Grazie dell’attenzione.Guiro.

  5.   D_S_MY_L Scrive:

    sarò banale, sarò l’ennesimo scocciatore che bussa alla porta del tuo blog………….MA…….auguri piccola Donna

  6.   Rancore Scrive:

    eh si ormai si
    da qui non mi muovo, ho messo radici (già andate a male)

  7.   simon Scrive:

    grazie per il commento. davvero molto apprezzato. tu sei sempre grande, Violet!
    Bise
    S.

  8.   impa Scrive:

    mmm quanto mi piacerebbe vere il tempo per leggere la mail della tua amica romana!

    la lucidità viene dal dolore, grazie per il commento.
    quel post mi sembra diverso perchè per la prima volta non cerco l’approvazione di chi legge, e poi mi sono venute in mente delle cose, come ad esempio i nomi di quei personaggi della storia, a cui non pensavo da anni, pensa che potente il cervello..
    non è strumetnalizzare il dolore quando pensi alle scenate, è solo un modo per prevenire la fifa della morte, lo spettacolo sublima e da forma al dolore, ma quando avviene con una persona e ti fa davvero male…insomma,non ti verrà nessun copione da recitare. assicurato ;)

  9.   caravanserai Scrive:

    Non è vero che ci sono solo i punti.
    Ci sono anche le virgole.

    I punti concludono. Dopo il punto si può solo iniziare qualcosa di nuovo.

    Le virgole proseguono, quel che c’era prima non viene accantonato ma arricchito da quello che verrà dopo.

  10.   shatt3r3d Scrive:

    “non mi hai fatto maleeeee
    faccia di maialeeeeee!!!!”
    lo so,non c’entra un cazzo…ma le tampax rock sono geniali…STO RIDENDO DA DUE OREEEEEE!!Violet,posso partecipare al progetto?suono chitarra blues,magari si potrebbe fare un pezzo.Attendo notizie,tua devotissima.

  11.   giuliano Scrive:

    Violet!
    Conoscendoti potresti pure dire:
    “Io avrò il nasone.. Ma non metto la maschera e si vede.. Altre hanno il c.. rotto, ma mettono i pantaloni e non si vede!”
    Che ne pensi?
    Ari ola.. ;D

  12.   guido Scrive:

    mio padre dice
    al mondo ce ne siamo belli e ce ne siete brutti
    è proprio un figo
    niente da dire

  13.   violet© Scrive:

    in clima romanesco posto una mail scritta da una mia amica di roma, una vigilessa. è scritto bene, è sentito, e io l’ho apprezzato moltissimo.

    Una vigilessa a roma

    Se mai verrai a Roma ci sarò io che ti porterò ovunque vorrai andare =) farti vedere posti come trastevere e testaccio che sono il cuore di roma, della roma di borgata! Forse gli unici posti che sono rimasti ancora intatti nella loro genuinità.
    Per il resto forse resterai un pò delusa, la Roma di Pasolini sta scomparendo, i ragazzi veri di borgata stanno scomparendo, io ci vivo in borgata e credimi, c’è da piangere, ragazzi snob che puzzano di soldi e di viziato, sono rozzi di cervello, le conversazioni si concentrano sulle marche di cellulari, chi ha la macchina più bella, la moto più figa.
    Roma negli ultimi anni è diventata un inferno per chi ci abita, è una città satura, gli affitti troppo alti, soprattutto per gli studenti e quartieri completamente in monopolio ai cinesi. c’è qualcosa di strano, qualcosa che non torna, cammini per le strade e ti senti estraneo, ti senti perso. troppo traffico troppe macchine troppi mezzi pubblici che non vanno come dovrebbero, le metro che si rompono un giorno si e l’altro pure… e se non si rompono ecco che c’è il suicida di turno.
    basta un pò di pioggia e Roma diventa un cumulo di rottame, come se cadesse pioggia acida e guai a chi si bagna. Io amo tanto la mia città e vederla andare sempre peggio mi fa davvero male.
    La notte quando torno a casa da lavoro la vedo davvero per come è, indifesa, ferita, ma anche dannatamente bella, unica.
    Roma è un pò come una puttana, di quelle che ti fanno innamorare ma che devi pagare bene per andare in paradiso.
    Roma avrebbe bisogno di più amore, di più cure e invece il comune vuole solo soldi per i cazzacci loro, e spremono i romani coi parcheggi e multe di ogni tipo senza ritegno… questo lo posso dire a voce alta visto che io lavoro per il comune.
    Al programma le invasioni barbariche giorni fa hanno parlato degli ausiliari, alcuni colleghi dei miei sono stati ripresi durante una giornata di lavoro…
    non puoi capire che menzogne… li hanno fatti beggiare in un ufficio diverso dal carnaio dove beggiamo solitamente. li hanno fatti apparire organizzati quando non è assolutamente vero! neanche una vera divisa abbiamo! Hanno mostrato una giornata di lavoro finta, atteggiamenti finti e fasulli! addirittura una collega attancando la prima multa ha detto: ecco cominciamo subito la battaglia!
    mavvaffanculo! fanno bene a chiamarci vampiri! fa bene la gente a sputarci addosso!
    bah. La politica e il potere davvero rovinano le anime delle città, me ne rendo conto ogni giorno sempre di più. Roma avrebbe bisogno di una ripulita, avrebbe bisogno di tornare genuina vera anche crudele, ma vera.
    la stiamo trasformando in un fantoccio.

  14.   violet© Scrive:

    G
    ecco G tutto contento..come stavi ieri sera prima della partita? cuore a mille? cacarella?
    oh quando si è emozionati capita, soprattutto a me. io la partita non l’ho seguita, ma ho letto oggi sul giornale di milan tanti bei commentoni.

    giuliano
    si più o meno, leggi sotto!

    elena
    ho anche la scabbia e la gobba, si vedono in foto? spero di si TVB.

    guido
    come dice il mio amico fantozzi: se sei bell ti tirano le pietreeee se sei brutto ti tirano le pietreeee sarààà cosììì finchèèè vivraaaaaiii

    luca
    ciao luca, grazie luca come sempre TVTRB ahahah

    eleneadipepe
    si il tipo è simpatico ma devi scrivere tu..per quanto riguarda me sappi che non ho più una vita sociale, ma puoi venire a casa mia quando vuoi, abito vicino quella zona là, quindi magari se fai tardi e sei troppo sbronza per tornare a casa chiamami.

    bludeepa
    ahahahaha il link fa troppo ridere!

    claude
    e così è stato tranno sognare una ex compagna di liceo che mi sta troppo sul cazzo.

    caravanserai
    il mondo è composto da infiniti punti.
    e anche noi siamo solo dei punti.

  15.   G Scrive:

    che goduria..
    noi siamo ai quarti.. e altri invece se li vedranno solo in tv…
    che spettacolo…

    CORETE! SCAPPATE!
    ARIVA LO SQUADRONE!
    GIALLO-ROSSO!
    GIALLO-ROSSO!!!

  16.   giuliano Scrive:

    Provo a fare il “Violetto”.. ;D

    Uno che passa: “Che nasone grande che hai!”

    Violet: “per snariciarti meglio!!”
    Ci ho preso?
    Ola!

    Ps: snariciarti = espellere la caccola con una narice ad elevata pressione(;D), unsando la sola aria dei polmoni e tappando l’altra narice col dito per incrementare la “potenza di fuoco”! ;DDD

  17.   elena Scrive:

    che nasone che hai , si vede in tutte le foto.

  18.   guido Scrive:

    ma certo che si dice così!
    dolcissima violet, ricordati che se anche è un mondo di stronzi, noi li freghiamo con lo spirito
    e l’umorismo
    e la fantasia
    e i sogni
    e i colori
    e tutto quanto il resto
    come diceva il mio amico oscar wilde
    “tutti siamo nel fango, ma qualcuno guarda le stelle”
    adoro gli aforismi
    besos divertidos

  19.   luca Scrive:

    ciao violet, molto bello questo post come sempre, un abbraccio un bacio bacio m.

  20.   elenadipepe Scrive:

    ciao cara…ho visto che sei passata..dalle mie parti..
    da come avrai capito è in atto una vera e propria decadenza…;) seeenti io sabato scorso ho suonato nuovamente alla casa…
    non ti dico più vieni vieni perchè tanto c’hai da fa… cmq sappi che c’è sempre un caffè sul fuoco per te..(da apprezzare la rima..ricercata)
    e.

  21.   bludeeeeeepaaa Scrive:

    DAJE ROMAAAAAAAAA !!!!

    e fu un grande giorno :D

    il LINK per gli interisti, con sportività e affetto

  22.   claude Scrive:

    Si Viò, hai colto esattamente cosa intendevo dire!
    Mi pare che anche tu ne sai abbastanza di questo argomento vero?!

    Spero che stanotte vada per te meglio della scorsa..
    bacio

  23.   caravanserai Scrive:

    Il futuro è un’illusione.
    Il passato è un’illusione.

    Solo il presente è reale.
    Io vivo il presente.

    P.S. condivido la tua opinione sulle auto (io vado in bici), ma non è questo il punto

  24.   G Scrive:

    so’ nato prima dell’ovo e dopo la gallina! :D

  25.   G Scrive:

    rispondo per bludeepa:
    oggi c’è la Partita… ;)

  26.   violet© Scrive:

    kurtz
    così lo deridiamo tutti insieme!

  27.   violet© Scrive:

    kurtz
    senti dato che ci sei fai un paio di foto a michele jieckson hahaha

  28.   violet© Scrive:

    ciao a tutti, stamattina mi rode il culo odio la gente che mi ritrovo sempre in mezzo ai coglioni e ho una faccia stragonfia, non ho dormito e le zanzare mi hanno mangiato viva, detto questo volevo dire alla ely che le voglio bene.
    ely ti voglio bene e non appena mi libero dal macigno dei sei esami ti vengo a trovare vestita da pagliaccio del mac donald.

    Hj
    ah va bene, certo mi fa piacere :o )

    caravanserai
    si questa mania di voler vivere a lungo, diamine, io non voglio vivere a lungo perchè andrà via l’acqua e l’italia diventerà tropicale e i semi delle verdure che mangiamo oggi spariranno, io voglio morire guardando ancora la neve, e la primavera, e mangiando zucchine, e tutto il resto.
    non voglio vedere come questo mondo va a puttane e come si autodistrugge per colpa dei coglioni che vanno in macchina.
    li odio.
    usate le gambe cazzo.
    io penso che non approderò mai a niente e tutto quello che faccio oggi, lo faccio per non affrontare la mia desolazione.

    claude
    per giostra della vita intendi il rinomato calcio in culo?

    agra
    non ho nessuno di quetsi programmi, anzi non ho proprio la rete a casa, comunque non ce l’ho ti consiglio di restare in piedi fino a tardi e di vedere rete quattro, mandano anche le vecchie puntate de: il pranzo è servito.

    dinamicio
    grazie miciona.gh

    pantaleo
    ah pantalone, non è che è una gara a chi sta peggio.

    bruno
    ciao brù!
    ti ricordi quando avevi le pezze al culo?
    ora ce le ho io, magari passa da casa tua a scroccarti la pasta anche se non mi fido della tua cucina.

    guido
    mo se dice così?

    maltese
    si l’ho avvicinato e gli ho venduto un libro! però ora ce n’è un altro, ancora più brutto e trsite. ma quello lo avvicino col cazzo.

    bludeepa
    perchè?

    G
    marcello è nato negli anni 60? ahahahahah ma che c’entra io dico cartoline, foto di repertorio, cose così, ma poi scusa sei nato prima tu o i tuoi genitori?

    nero
    ciao nè, ieri pure io stavo bella crepata, mi rode il culo alzarmi la mattina che cazzo.

  29.   kurtz Scrive:

    sono in america e qua e’ tutto pulito e freakettone…Son qui con Liz Taylor.

  30.   Nero Scrive:

    La mia giornata è stata così STORTA che adesso esco sul terrazzo e inizio a bestemmiare fino a quando non mi cade l’ugola sul pavimento.
    Un Saluto bella.
    Ave,
    N.

  31.   G Scrive:

    ciao bella…
    veramente di foto di borgata in bianco e nero non c’ho un granchè.. d’altronde c’ho solo 2 anni più de te, mica so’ vecchio come marcello! :D

  32.   bludeepa Scrive:

    domani è un grande giorno

  33.   maltese Scrive:

    viò parlavo del berlusca quando ti ho scritto del nano…per il tuo “amico” all’università non saprei se ti ispira avvicinalo, a volte è più difficile avvicinarsi a persone come quella, al posto tuo cercherei di capire se ha qualcosa da dire….bacio viò, malt

  34.   guido Scrive:

    un sacco di soldi?mi dispiace, nn posso aiutarti…
    sono ricco solo di senso dell’umorismo!
    baci

  35.   Morbillo Scrive:

    Morbillo is back!

  36.   Bruno Scrive:

    Ciao Violet,
    colgo l’occasione per salutarti e rinnovarti un complimento… Ciò che scrivi e come lo scrivi, spacca!
    Baci
    B

    P.S. Se ti và di legger qualcosina vai sul “mio” blog.
    Salut

  37.   pantaleo Scrive:

    la tua vita non è niente rispetto alla mia ,i tuoi amici sono solo sballati in cerca di un po di sballo marcio

  38.   dianamicio Scrive:

    Sei perfidamente ingegnosa!
    Brava Violet.

  39.   Agra Scrive:

    ti prego ho bisogno di quella puntata di Mike bongiorno!…sono in crisi d’astinenza…
    cerca su skype se ce l’hai Kandapajee…mi troverai…tnx…

  40.   claude Scrive:

    Ho sempre detestato i luna park, già a partire dal nome.
    Mi basta la giostra della vita per farmi girare la testa.

    Un bacio..

  41.   caravanserai Scrive:

    Anzi no, una cosa te la scrivo.

    Non mi piace l’idea di farti dei complimenti quindi te la scrivo in maniera un po’ asettica.

    Nel distribuzione dell’energia umana la Natura non è stata equilibrata. A qualcuno è stato dato un surplus di energia. E queste persone si riconoscono facilmente. Nel tuo caso poi è evidentissimo che tu hai un eccesso di energia che non riesci a gestire.

    Questo è il tuo dramma e la tua benedizione.
    A seconda della prospettiva da cui la vuoi vedere.
    Inoltre è l’unico motivo per cui ti leggo da un anno e mezzo. Perchè riconosco il vigore di quest’energia e sono curioso di vedere che ne sarà.

    Ed è anche il motivo per cui sono profondamente convinto che ti salverai.

  42.   caravanserai Scrive:

    – “Va bene! Però se alla fine devo morire
    – perchè prolungare la vita?”

    Posso interpretare questa tua frase in due maniere, anzi tre:

    1) Provocazione/sarcasmo. In questo caso preferisco non rispondere.. sarebbe un confronto che non mi interessa e comunque non porta a niente.

    2) Serio disagio esistenziale. In questo caso avrei mille cose da dire, tutte inappropriate con il tono graffiante del tuo blog. Quindi non le dico.

    3) Disagio esistenziale affrontato con sarcasmo provocatorio. Le cose che potrei dire al punto 2) verrebbero immediatamente annientate dal sarcasmo.

    Conclusione:
    ho sprecato un po’ di byte.

    Ma non è grave :-) ))

  43.   qss Scrive:

    le foto? ok, cerco e invio
    ciao viò

  44.   HJ Scrive:

    E’ davvero bello quello che ho letto nel tuo utlimo post. Bello ma bruciante, difficile immaginare che tutto ciò possa esitere davvero, eppure da come lo scrivi si capisce che è così. L’ho capito perchè anche a me capita negli utlimi tempi di far quello che fai tu per addormentarti. E poi fumo, cercando di trovare nel tabacco un piacere che, se ci penso bene, è soltanto sofferenza. Le tue foto mi danno un senso di evasione, quel tuo modo di tenere la sigaretta mi stimola tanti pensieri…
    Tornerò a trovarti, perchè leggerti è come uno sfogo che mi va di condividere… Ti linkerò per non dimenticarti. A presto, HJ.

  45.   violet© Scrive:

    caravanserai
    va bene! però se alla fine devo morire perchè prolungare la vita?

    guido
    no vorrei solo una marea di soldi.

    trinity
    ti ricordo che stending ovesccìon si scrive così :o )

    maltese
    ma di quale nano parli?
    in università gira un tipo nano con le orecchie a sventola senza labbra magro, troppo brutto, mi dispiace perchè sta sempre da solo e di sicuro a suo mamma racconta un sacco di bugie, sugli amici, e sul fatto che si trova bene..che dici devo fare amicizia con lui? a me dispiace..

    G
    tu il mio amore e marcello mi dovete mandare le foto di borgata che avete, per forza..
    sacnner dei nonni, roba in bianco nero, voglio vedere le facce della gente, la ferrobetòn, pietralata e l’INA case appena costruite, anni 50..
    aaahhh la tecnica era una cazzata, praticamente devi stare al centro e guardare un punto fisso fuori dal tagadà per non perdere l’equilibrio. se ci pensi è l’unica possibile! sempre a rosicare stai!

    gianny
    veramente il valium mi fa venire il mal di testa..va bene ci sentiamo via mail.

    ricter
    sono contenta..

    rt
    mi sa che sei l’unico che ha capito che sull’icona della ia band bisogna cliccarci sopra per sentire le canzoni ahahahah borgo ticino non scherza ha un ritmo che ti entra in testa.

    flyer
    ti piace deviant art?

    amore di mio
    tu hai un cazzone pazzesco e me lo sogno tutte le notti, ecco alla vena romantica bisogna aggiungere anche questo simpatico particolare.

    giuliano
    ora sono all’università, tra un pò esco vado a fare la spesa e poi vado ad abbiategrasso..così posso tornare domani mattina con calma altrimenti muoio..sono da sara stasera!

    dinamicio
    eh sai che l’akltro giorno ho venduto due esami e altri due oggi e sono 40 euro? mica me fanno schifo!

    cru3l
    e cazzo ho lavorato due sere di seguito e mi sono persa il meglio, stasera guardo sanremo nella tele enorme della mia amica ricca, in questo modo posso mettere a fuoco anche i peli del culo della hunziker (che non sono biondi).

  46.   Cru3l Scrive:

    ciao vio. sanremo è in corso. possiamo divertirci un pò. comunque, ho cambiato blog. tiscali mi ha rotto il cazzo… il nuovo indirizzo è quello li. quando vuoi passa che ti offro un drink.

  47.   dianamicio Scrive:

    Buongiorno Violet,
    Beh devo dire che mi piace come scrivi (sarà che io non sono brava), comunque quello della vecchia è triste, povera signora!
    Oh complimenti davvero la tua è una brillante idea e ci credo che ti dicono “aguzzina” sei un genio!
    Ciao ciao

  48.   giuliano Scrive:

    Senti Viò..
    Se passi mi dici come stai messa stasera?
    Devo restare a milano fino alle 10 circa per andare in centrale ad aspettare chi sai.. ;o)
    Ci si becca? Mi sopporti fino alle 21:30-21:45?
    Kisses

  49.   Francesco Amadori Scrive:

    Nel tagadà è più facile stare in piedi al centro che stare seduti.
    Parola di Francesco Amadori.
    10+

    Amore questa è per te:

    gira il mondo gira
    nello spazio senza fine
    con gli amori appena nati
    con gli amori già finiti
    con la gioia e col dolore della gente come me
    ooooooooh mondooooooooo
    soltanto adesso io ti guardo
    nel tuo silenzio io mi perdo
    e sono niente accanto a te
    ooooooooooooooooooo

  50.   flyer Scrive:

    mmmm…. ma quel messaggio che mi è comparso all’improvviso mentre leggevo che diceva “muori soffrendo tantissimo” è tuo o è un augurio mandatomi da qualcuno dell’oltretomba?

  51.   r t Scrive:

    ammazza quanto scrivi. ti fai leggere però. complimenti x borgo ticino.

    ciaociaociao

  52.   ricter Scrive:

    ho un motivo in più.

  53.   giannymarton Scrive:

    bhe ma allora già che ti perseguitano tanto vale che diventi famosa!…sai che un giorno vorrei vederti pubblicata…

    ps il principio attivo del valium è il diazepam, le benzodiazepine sono la categoria del tipo principale di tranquillanti tutti (valium, lexotan, rivotril, temesta, ecc.). Hai già provato con il valium quando ti sale l’ansia? Funziona? No anzi su sta questione ti scrivo un mail! ciao

  54.   G Scrive:

    che m’hai ricordato.. er tagadà..
    lo mettevano sempre alla festa de s.Felice (la festa del mio quartiere..) e io, che sono sempre stato goffo e imbranato, praticamente mi “imgragavo” alla spalliera, ma nonostante questo spesso finivo per terra comunque..
    ‘na volta me so’ pure perso er portafoglio..
    me ricordo che invece c’erano i coatti che se mettevano in piedi al centro della giostra e che avevano studiato una tecnica per rimanere sempre in piedi senza neanche scomporsi troppo..
    quanto me facevano rosica’…
    però me divertivo lo stesso, erano proprio bei tempi quelli…

  55.   Lupo Scrive:

    Yesss….

  56.   maltese Scrive:

    tagadà, fionde realizzate da soli, caccia agli animali randagi..brrrr che salto nel tempo

    ma tu lo sai che il nano ha iniziato con il vendere appunti a scuola la sua lucrosa attività?? non è che segui la sua scia??

    per il resto mi piace il post come è scritto

    ciao m’nè, nu uasch

  57.   Trinity Scrive:

    Non ho parole… questo post e’ da standing ovation… per te…

  58.   guido Scrive:

    ciao viò, periodaccio?besos

  59.   caravanserai Scrive:

    Violet, quando ne soffrivo io pensavo di avere le malattie più incredibili, al cuore prima di tutto.. è una situazione tipica.
    Ho avuto anche una simulazione di infarto, facendo spaventare tutto un pronto soccorso… e poi non era niente, NIENTE, ma simulato benissimo!

    Fatti consigliare da Isabella sulla struttura, fatti visitare da qualcuno che ti sappia dire esattamente se si tratta di episodi occasionali o di DAP.

  60.   caravanserai Scrive:

    Scusami Isabella, non intendevo attaccare te :-)

    Anch’io per un po’ di tempo ho tenuto il Tavor in tasca.
    E’ arrivato a scadenza senza che ne prendessi neanche uno, e questa è stata la mia vittoria.

    Coraggio Violet!!!

  61.   violet© Scrive:

    impa
    ma così volevo farle solo che con PS è un casino, ci dovrei mettere un botto e non ne avevo nessuna cazzo di voglia. guarda impa ti posso dire che i disclaimer servono a poco, quelli che avevo messo li ho tolti, la gente fa esattemente il contrario, ecco metti un disclaimer al contrario, questo si.

    ricter
    si lo chiamo “confessioni di una zucchina”, e le allusioni si sprecano.

    lor
    sono d’accordo con te.

    caravanserai
    il punto è che mi si presentano in modo del tutto occasionale, passano mesi senza niente e poi girni interi in cui si presentano di continuo. quello che mi chiedo è se potrebbe essere legato ad un fattore fisico, tipico disfunzioni cardiache..

    isabella
    si è lui, quando sono venuti quelli dell’ambulanza hanno detto che il figlio lo avevano preso a diverse volte, quindi lo conoscevano e quindi quella è casa mia..la mia però è più grande c’è più spazio ed è messa meglio…
    quella è tutto letto!
    la benziodiazepina non è il principio attivo del valium? no perchè mi sembra di averla letta sulla boccetta di valium che ho a casa..
    lucio nella mia zona lo conoscevano tutti..chissà perchè!
    e invece gabriele prima lo avevo rivalutato, ora invece ho capito di aver sbagliato e che quelli come lui sono davvero degli original-coglion e proprio non hanno redenzione.
    divertiti in viaggio, ammazza quanti intralazzi che c’hai!

    lilakshi
    e chi sarebbe? io invece ne so un’altra che ha detto un vecchio anc’esso molto saggio: tromba di culo e sanità di corpo. :o ))

    bella vado a pisciare nel simpatico cesso universitario prima che finiscano le lezioni e venga invaso da tipe che si guardano allo specchio.

  62.   isabella Scrive:

    caro caravanserai, io che ho detto scusa, che dovrebbe parlare col suo medico no??
    forse non l’ho sottolineato a sufficienza ma l’ho detto.
    le bzd danno dipendenza lo so e infatti non ho mai detto a nessuno di prenderle come pasticche per il mal di testa, cazzo già una volta qui dentro mi hanno attaccata perchè oso parlare di farmaci.
    anche gli SSRI danno parecchi effetti collaterali non so se lo sai.
    comunque.
    suggerivo il rivotril perchè mi sembra di capire che appunto si tratti di episodi situazionali, non di un disturbo conclamato, sappiamo tutti che nella vita spesso capita di dire “ho avuto un attacco di panico” ma da lì a fare diagnosi di disturbo d’ansia ce ne passa.
    il rivotril al bisogno è un farmaco situazionale.
    gli SSRI si prescrivono quando c’è un disturbo conclamato e diagnosticato, ovvero, la tua malattia corrisponde ai criteri del DSM IV, cosa che non so possa essere allo stesso modo per violet.
    comunque non sono nessuno per dire a nessuno cosa fare, ovviamente.
    violet se sai che è una cosa che va affrontata va’ da un medico, se vuoi il centro come quello che dice caravanserai qui a milano lo conosco.
    se invece senti che è solo un periodaccio, lascia stare i farmaci che fanno solo male.
    ah altra cosa. io il rivotril l’ho preso, lo porto tuttora in borsa, mi da sicurezza avercelo dietro.
    per questo so che funziona.
    ciao

  63.   violet© Scrive:

    guiro
    mi hai fatto ridere, bhè tu si che sei uno che crede nel progresso!

    uno, nessuno
    che parole grosse..comunque grazie gh, si scrivo così dato che non accendo il riscaldamento, almeno mi scaldo i polpastrelli.

    emme
    a me invece non mi voleva nessuno e suppongo che avessero paura, perchè ero troppo sboccata e troppo maschio per essere voluta, c’era un tipo super convinto che mi diceva: eh, l’uva deve maturare! ma vaffanculo.

    gianny
    si è di pasolini, l’ho messa tra vorgolette, mi sembrava adatta anche alle varie rotture di coglioni che devo subire dalla gente, benchè cazzo, fortunatamente non sia famosa.
    sono al quarto ed ultimo libro di pasolini per il momento e posterò a lato le frasi in romanaccio che più mi hanno divertita, il rsto è troppo complesso, servirebbero dieci colonne.

    Lupo
    ho capito, in parole povere ti fai una sega prima di dormire no? hhihihihihi

    supergulp
    non so, io sono kitsch come faccio a farlo apposta? cioè dico uno nasce coglionazzo, non può farlo no?

    agra
    guarda purtroppo, e dico purtroppo anche per me, anche volendo non avrei potuto registrarla per ragioni pratiche: non ho il mezzo. quello che hai visto era un piccolo filmato fatto il videotelefono. e comunque ti posso dire che la bionda è una tizia che si chiama stefania rotolo e cantava Cocktail d’amore..troppo figa, peccato non abbia avuto successo, forse perchè voleva fare la patty pravo de noantri.

    giuliano
    non ci vuole molto lo sai!

    manga fan
    perchè non uploadi il film? dai!

    surj
    guarda fa davvero cagare e ha la faccia squadrata, ma ovviamente quando passa tutti i maschi la guardano. sarà l’effetto del tacco rosa. immaginalo fra le chiappe, sai che bello.

    adonis
    e se ti senti tu così che sei sempre molto yhuppi yee allora siamo fregati.

    shattered
    grazie davvero..ogni tanto fa bene sentirsi dire certe cose anche se appena uscirò da qui mi dirò che sono una merda.

    bob
    scherzavo bobòò!

  64.   lilakshi Scrive:

    C’è un vecchio detto: se non vuoi essere sconfitto, non iniziare nemmeno la battaglia, allora la guerra è finita per sempre, uno trova l’eterna pace in se stesso.

    (Queste sono le ultime parole di un vecchio guerriero, che ha smesso di lottare…)

  65.   caravanserai Scrive:

    Isabella occhio alle benzodiazepine, danno dipendenza.

    Quello che ho preso io era un serotoninergico (inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina) ed al momento sono i farmaci più usati perchè hanno i minori effetti collaterali.

    Le benzodiazepine attualmente vengono prescritte per l’uso sintomatico, ma se uno ti dà per gli attacchi di panico una cura basata sulle benzodiazepine, proverei a confrontare perlomeno altre due opinioni qualificate.

    Parlo solo in base alla mia esperienza ed a quello che ho imparato su me stesso, eh, sia chiaro.. non sono un medico e non ho nessuna pretesa.. dico solo quello che ha fatto bene a me.

    Violet, io mi sono rivolto ad una struttura pubblica dove abito (a Torino), se chiedi forse anche a Milano ne trovi una simile. Non ho pagato niente. Per il primo mese il neurologo mi passava gratis anche il farmaco (che in effetti costicchia).

    Prova ad informarti.
    E ti prego, non fare come me che ho lasciato correre per tre anni.. ho sofferto inutilmente per troppo tempo, pensando che fosse solo stress e che sarebbe passato.
    Non è una cosa grave in sè, non se ne muore, ma se la trascuri finisci per buttare via la tua vita. Credimi.

  66.   isabella Scrive:

    cazzo ho finito lo spazio

    lui e quelli come lui, dicevo, quelli che passano la notte trascinandosi sui gomiti per i locali di corso como mentre io me ne vado al lato b perchè il montenegro costa solo 3 euro.
    oppure il montenegro me lo compro all’esselunga e me lo bevo prima di entrare nei locali.
    comunque.
    quei poveracci che nella vita hanno avuto sempre la pappa pronta, che tutto gli è dovuto perchè lro sono sempre un gradino sopra a te.
    appunto, quelle che girano con la borsa di roberto cavallo.
    che alla sera si fanno di cocaina mentre tu spegni i riscaldamenti per non pagarli.
    naaa, che merde.
    per fortuna che nella vita si incontra anche gente come te.

    baci, ti saluto, parto, vienna, austria e austriaci, biondi e occhi azzurri WOW!!, magari mi fidanzo.
    dai ciao.

  67.   isabella Scrive:

    molto bello questo scritto.
    dunque, prima cosa: io il tipo coi capelli rossi e ubriacone che picchia la madre lo conosco, cioè mi sembra di riconoscerlo dalla descrizione, nel senso, mi sa che sono andata a prenderlo un paio di volte quando ero un’ambulanziera al sabato notte della croce d’oro milano.
    mi ricordo la casa, il tavolo e un materasso per terra, su cui riversato c’era lui, ci aveva chiamato la madre perchè diceva che non si svegliava, e in effetti era in un principio di coma etilico.
    cazzo allora ho anche presente il palazzo in cui abiti.
    seconda cosa: sei sicura che si tratti di attacchi di panico? o è solo “un brutto momento”? io come (mezzo) medico potrei dirti che c’è un farmaco che ti potrebbe aiutare a risolvere l’attacco di panico, si chiama rivotril ed è davvero utile, lo si assume prima di dormire e quando si sente che sta per arrivare la crisi.
    ma è un farmaco, non una stronzata, una benzodiazepina per dio, per cui ti consiglio di parlarne col tuo medico, e soprattutto poi, cerca di capire che ti sta succedendo, perchè tante volte i farmaci aiutano ma serve molto lavorare su se stessi.
    terza cosa: il tagadà era anche una famosa discoteca di tamarri qui a milano, non so se la conosci, stava più dalla mia parte in realtà.
    l’anno scorso al grande fratello c’era Lucio, uno di cologno che io conosco, non di persona ma sai, alla fine pure cologno è piccola e i giri son sempre quelli. beh un giorno il grande fratello assegnò la prova di ballo, lui andò al confessionale e disse: minchia a grandefratè, io l’ultima volta che ho ballato è stato due anni fa al tagadà.
    io scoppiai a ridere.
    che cazzo di elementi che ci circondano.
    e adesso, adesso al grande fratello, non so se lo vedi ogni tanto, c’è l’altra metà di milano, c’è un tale che si chiama gabriele petronio, pr dalla evve moscia (moscia come di molto più moscio secondo me deve avere altro) che studia giurisprudenza per far contenti mamma e papà, ma in vealtà lui nella vita ha altve ambizioni.
    beh lui mi fa schifo. lui e quelli come

  68.   caravanserai Scrive:

    Violet, mi chiedi cosa ho fatto con gli attacchi di panico…

    Vorrei poterti dire che ne sono uscito solo con le mie forze e con la mia volontà, ma purtroppo non è così.
    Dopo tre anni che la situazione peggiorava costantemente mi sono rivolto ad un professionista. Un neurologo.

    Ho preso un farmaco per tre mesi. Era il 1999.
    Da quando è finita quella cura non ho mai più preso niente e gli attacchi di panico ormai sono un ricordo lontano.

    Ma il farmaco era solo metà della cura: l’altra metà, la più importante, è stata l’umanità del medico che mi ha seguito.
    Lui, che sapeva bene il suo mestiere, mi ha stimolato ad informarmi su internet sulla mia malattia, e così ho scoperto che non ero solo, che non è una malattia strana, che non ero pazzo, che moltissimi nel mondo ne soffrono, che non si muore e che se ne può uscire.
    Ho letto i racconti e le esperienze di tanti che soffrivano come me e mi ha fatto bene.

    Penso che i farmaci siano serviti solo ad aiutare l’inizio di un processo che è stato soprattutto di crescita interiore.
    Un cambiamento profondo del mio modo di vedere la vita. Prima ero molto rigido e rigoroso, adesso sono più rilassato nei confronti di tutto.

  69.   lor. Scrive:

    è da un po’ che ti leggo, e non commento mai, perchè non ho voglia di fare fatica per raccogliere una risposta che magari nemmeno deve arrivare, qualcuno crede che i rapporti possano prendere una forma anche attraverso questo tipo di frequentazione che chissà com’è per te, anzi com’è per te lo hai scritto , la solitudine in mezzo alla massa, capisce la massa? o è inadeguata e ignorante?
    comunque volevo solo dire che preferisco quello che scrivi adesso, meno adolescente più consapevole ma coerente.
    ciao
    l.

  70.   ricter Scrive:

    devi scrivere un libro!
    io per una volta nn farò lo stronzo e lo comprerò.
    promesso

  71.   impalpabile Scrive:

    queste foto mi ricordano gli autoritratti di andy warhol.
    la seconda parte del post mi piace un sacco.
    quello che scriverò in un simpatico disclaimer accanto al mio blog è che è troppo facile scrivere di tutto, dire il proprio parere.
    ogni cosa è già sentita.
    l’unica cosa non sentita è la seconda parte del post.
    tu e la tua gioventù.
    io lo scontro l’ho avuto e lo perpetuo solo con me stesso.
    per punizione.
    ci sono momenti in cui mi sento soffocato, perchè non vedo la fine.
    la prima foto è figa assai.
    bonne nuit

  72.   bob04 Scrive:

    non mi permetterei mai, non era quello il senso!

  73.   shatt3r3d Scrive:

    Due sole parole. SEI GRANDE. In come ti esprimi ed analizzi la realtà.Mi piace moltissimo come scrivi,
    non è facile trovare persone del tuo calibro di schiettezza. Ancora complimenti.

  74.   adonis Scrive:

    …..onestamente mi sento anch’io un po’ cosi’ oggi.
    la solita pagina che nn si puo’ girare.

    notte vio’

  75.   Surj Scrive:

    minchia Viò, tu devi capire che macchina ha Miss Rosa, la Smart, la Mini o qualche altro cazzo di macchina alla moda ! certe persone mi fanno proprio cagare !

  76.   manga fan Scrive:

    Visto la sua nuova passione per il Giappone, consiglio a Vajola (ma anche agli altri) di vedersi “ZATOICHI” di Takeshi Kitano in DVD (c’è anche in giapponese coi sottotitoli in italiano). Suspence e combattimenti davvero pirotecnici. Sconsigliato ai deboli di stomaco (ma in fondo non è più violento di un “Rambo I o II”).

  77.   giuliano Scrive:

    Violet!
    La prossima volta ti sfondo la porta!
    Con o senza il tuo consenso.. ;DD

    Ciao ;o)

  78.   AgrA Scrive:

    Non so come fai a parlare di auto censura e poi mostrtare inpunemente le immagini di Mike …non so se ti rendi conto di che cosa mi hai fatto io ora HO BISOGNO di quella puntata dimmi che l’hai registrata tutta! TI PREGO!

  79.   SuperGulp! Scrive:

    Questo blog e’ il trionfo del kitsch.
    Dimmi solo che l’hai fatto apposta, e diventi automaticamente il mio mito.
    Grazie di esistere!

  80.   Lupo Scrive:

    P.S. Scusa oggi sono un po atraverso non volevo essere aggressivo..solo spontaneo, e poi gli stati d’animo troppo controllati puzzano spesso di maschera e paura. Buon Tutto Violet, con stima, Lupo.

  81.   Lupo Scrive:

    Faccio fatica a prendere sonno….e uso il metodo Ikea..faccio da me, come te..o anche più, non è una questione di numeri…quando sei solo c’è solo un numero ed il più solitario..dipende anche se sono ubriaco se ho fumato oppure no. Violet.
    Non è una figata ma funziona..e se non funziona mi rimane sempre la mia solitudine con i suoi mille se…infondo c’è di peggio nella vita. C’è chi non ha neanche i se, o chi non conosce la solitudine perchè non è mai stato vivo. E poi con la solitudine è come con la vita…se non la scopi bene..ti fotte, e ha ragione..

  82.   giannymarton Scrive:

    visti i tanti meritati complimenti per il post, volevo evitare e farteli per ”il successo è l’altra faccia della persecuzione” e chiederti se era tua questa frase fighissima… intanto ho scoperto che è di PierPaolo e allora complimenti per la scelta.. Che poi scegliere bene è pure un’arte e sono curioso di vedere cosa metterai dei libri di PPP che stai leggendo / hai letto nella colonna dei libri

    Ah cazzo stanotte ho sognato che ci incontravamo, un incontro organizzato qui sul blog (cosa che nella realtà sai che non ti chiederò), c’era anche ely con te mi sembra, eravate abbastanza fighe, io invece piuttosto impacciato, bho poi non so più solo che mi ritrovavo con un giapponese alto due metri a scrivere delle cazzate in stile humour nipponico (non chiedermi cosa sia..) pensando di mandartele poi per il blog…
    Comunque un po’ sono rimasto turbato da questo sogno

  83.   emme Scrive:

    viola viola… questo post m’ha fatto venire nostalgia.
    A 16 anni anch’io avevo un’amica, la consideravo come una sorella (però lei mi presentava le sue amiche mi si volevan fare, cosa buona e giusta), il padre non ce l’aveva e sua madre la lasciava uscire di sera solo se stava con me… che poi ognuno si faceva i cazzi propri, ma almeno lei era tranquilla.
    Sul tagadà penso di averci lasciato qualche pezzo di coccige.

    E’ strano, ma quei pensieri sulla vecchiaia e sui figli li ho anch’io, però sai cosa? Chi la merda l’ha già vista da vicino e sa pure che gusto ha, credo che non verrà colto impreparato dalla vecchiaia. Però sticazzi, io non invecchierò mai… morirò in modo plateale, come le rock star.

    Dovremmo decidere chi ha pensato prima a cosa, tanto per pagare i diritti d’autore.

    ciacciao

  84.   uno, nessuno Scrive:

    Posso “amarti”? Non perdo un tuo post, ma farti dei complimenti non serve a nulla ed è anche un pò stucchevole, è molto meglio amarti, come si amano le persone che si esprimono come fai tu, in modo autentico, quasi autobiografico, probabilmente non sarò il solo. Scrivi!!

  85.   violet© Scrive:

    Surj
    ..che questa c’ha pure la merendina griffata! e che cazzo.

    sandra
    tanto per postare un pò di uomini!

    oblomov
    guarda io invece se potessi vorrei i tuoi soldi:o)

    Derrida
    anche oggi non è niente male..

    a
    no no no, a me il panico viene davvero, cuore a mille, sena respiro ecc.. mi masturbo così sono stanca e mi addormento come un sasso e il panico non arriva..

    Nik
    bell’articolo! l’ho letto tutto:0)

    anassimandro
    l’uomo ricco ce l’ho!

    caravanserai
    e che hai fatto? dicono che i fiori di bach funzionino..

    anonimo
    sul povera non ci sono dubbi, sul fallita ne riparliamo.

    peggio
    mo che te sei fidanzato..

    ste
    ma no! quella è la camicia che uso per andare al lavoro e le foto le ho fatte a casa dopo il lavoro di notte..e comunque credo che il periodo teppista sia una tappa obbligatoria. devi passarci, la violenza va sempre assaggiata.

    bob
    mi stai dando della pagliaccia!? bhè comunque quel settore resta vivo, faccio sempre le mie cosine, e in futuro tornerà sicuramente utile..

    Lupo
    cosa fai da solo? non ho capito..

  86.   Guiro Karelias Scrive:

    Ho sempre preferito mettere le mani su culo e tette quando ero assiduo frequentatore del tagadà, sai sono sempre stato un tipo abbastanza timido e discreto e rispettoso dell’intimità altrui. Ai tempi frequentavo la chiesa e sono sempre stato perdonato dal signore, spero che anche tu mi perdonerai: ero giovane e sessualmente represso. Ora sono cambiato al 50%, sono solo sessualmente represso. Parole interessanti come al solito e foto intriganti, soprattutto la prima.
    Saluti, guiro.

  87.   violet© Scrive:

    pas
    come il culo di pulcinella.

    L
    cambiare costa e non me lo posso permettere..

    arthur
    non mi sembra che loro siano tanto allegri come vecchi..alla fine jagger se non fosse jagger sarebbe solo un simpatico e arzillo vecchietto con i pantaloni aderenti.

    chicca
    ti immagini chiamare tutte le tue ex compagne e dire “mi dvei 50e di arretrati” ah cazzo se fossi messa come me lo faresti!

    selina
    mi è arrivato il tuo sms, ‘tacci tua, la prossima volta metti quello fasciante, dalla testa ai piedi! sai che vuol dire?? e non farmi più sentire queste cose lì mortè! il libro era “una vita violenta” , ma l’ho finito, ora sto leggendo “ragazzi di vita”, sempre di pasolini..

    fiordiluna
    ti rispondo da te, si sente che stai sclerata eh, ieri quando ho letto il post mi sono immaginata le peggio cose..tipo: fiordiluna mette il bambino nella lavatrice efa partire la centrifuga.

    giuliano
    bella giù mi è dispiaciuto per domenica, ma è tutta colpa del maranza che è rimasto a casa mia tipo quattro ore, tra l’altro si è pure tolto le scarpe e si mi è messo i miei calzini con il pupazzo di neve. poi mi ha portato dei simpaticissimi adesivi dorati e luccicosi raffiguranti la svastica.

    Luca
    ti posso dire che non mi chiamo Wanna Marchi e che il libro di cucina “le mille e una pizza” non è il mio.

    Glenn
    alla buon’ora! auguri eh..bhè si diciamo che i fessi li inquadro dalla faccia e dalle scarpe e non avendo presente la tua non posso dare per certo che sarei riuscita a fregarti.

    eto
    ciao eto!

    giu
    tipo i quarantenni prima generazione, mamma mia che schifo..ora che ci penso li evito come la peste.

    surj
    si le devo fregare a ste sceme! oggi a lezione ce stava una, io la chiamo miss in rosa, se veste sempre de rosa e una volta tutta bona è arrivata a lezione tardi ed è sciovlata, come un tronco privo di agilità..e insomma oggi era seduta vicino a me e non faceva altro che far scattare il tappo della penna, e poi ha sfoderato dalla borsa GUESS un CEREALIX e mi sono messa le mani tra i capelli pensando che..

  88.   Lupo Scrive:

    …la notte…ci sono volte in cui riesce ad accarezzarmi mentre aspetto che finisca. Ma spesso i suoi pugni pieni di stessa scavano nella carne. La notte…dove faccio da solo e poi auguro tutte le cose belle della vita ad un cuscino. Buon Giorno Violet.

  89.   bob04 Scrive:

    sembri una persona seria in queste foto!
    bella la sequenza, io fossi in te ricomincerei a lavorare in quel settore…..

  90.   ste Scrive:

    Quando parli della tua adolescenza, mi sembra di rivivere la mia. a me e ai miei compari (tutti rifiutati in qualche modo) piaceva sfasciare e bruciare tutto quello che trovavamo per strada, la sera:macchine cabine telefoniche, tutto quanto. genitori e compagni di liceo erano inorriditi e ci consideravano dei cavernicoli, e se in qualche modo ci imbucavamo alle loro feste scappavano. Più gli altri si scandalizzavano e più mi sentivo fico. disagio e dissenso giovanile, dicvano gli psicologi. boh sarà anche ma mi divertivo più allora di adesso (prima che ci beccassero ovviamente), anche se probabilmente, secondo i loro canoni, ora “sono a mio agio e non dissento”.Anche io, dopo, ho scelto me stesso come l’oggetto delle mie brutalità e mi sono divertito molto meno. piuttosto Violita, con quella camicia che hai nella foto è difficile immaginarti come giovane deviante, sembri più una studentessa di un college inglese…eheheh. ARIGATO ciao ste
    PS:sfondale senza pietà le tue compagne di corso. Tanto quei soldi verrebbero spesi comunque. Meglio che rimpinguino il tuo conto in banca piuttosto che il fatturato di prada o lvmh.

  91.   peggio Scrive:

    grande violet…grande talento!!

  92.    Scrive:

    POVERA FALLITA

  93.   caravanserai Scrive:

    Mi spiace Violet per gli attacchi di panico.
    Li ho avuti anch’io per un certo periodo.
    So cosa vuol dire.

  94.   anassimandro Scrive:

    vattene da milano
    finiranno gli attacchi di panico
    oppure trovati un uomo ricco
    così finirà la vita

  95.   Nik Scrive:

    Eh beh, il giappone e’ sempre il giappone!

  96.   a. Scrive:

    e l’italiano è un’opinione

  97.   a. Scrive:

    il conflitto con te stessa
    il conflitto con me stesso
    il conflitto di ognuno con qualcuno o con qualcosa
    tutti uguali in fondo
    tutti con attacchi di panico di vario genere che si manifestano nei modi più curiosi e variopinti
    c’è chi si chiude in casa a piangere
    chi esce e si fa di coca e fa il brillante
    chi sta a casa a masturbarsi
    tranquilla, se ti consola la masturbazione è la mia coperta di linus da parecchi anni
    più sto male e più m’ammazzo di seghe
    te lo scrivo in questo modo così sembro più squallido io ;)
    considerazione..
    guardando queste ultime foto mi sono reso conto che anche se ti ho vista in molte immagini non ti riconoscerei neanche se ti avessi davanti al naso

  98.   Jacques Derrida Scrive:

    Dai non fare così…
    Stasera a Milano c’era un cielo bellissimo…

  99.   Oblomov Scrive:

    Lettotuttodunfiato!
    Se potessi ti pubblicherei. Oppure: se potessi ti sposerei. O ancora: se potessi avrei il tuo ritmo.
    Chissà perché in un pugno chiuso (fermo o contro una mascella) c’è sempre la migliore filosofia.

  100.   strappa.sandra Scrive:

    cazzo mi hai scoperto….no ho aperto pure lì tanto per….poi in futuro si vedrà……..

  101.   Surj Scrive:

    Viò viò, tu sei migliore di quelle con la Mini, coraggio spacca loro il culo !
    e vedrai che arriveranno momenti migliori !

  102.   Giu Scrive:

    Ciao, Violet!Il cep!!!Grande!!Anch’io frequentavo quei tipi, anche a genova esiste il cep!Erano davvero pittoreschi, magari un giorno ti racconto!Stammi bene!

  103.   eto Scrive:

    un forte abbraccio Viò.
    la vigilessa

  104.   Glenn Gould Scrive:

    ….ho compiuto trenta anni, mi sono appena laureato, e sono talmente stronzo e coglione, che nelle tue scorribande adolescenziali mi avresti fregato di sicuro un deca…brava violet era un pò che non passavo…

  105.   Luca Scrive:

    Devo riuscire a capire come ti chiami,
    così se un giorno darai alle stampe la tua biografia mi fionderò a comprarla.

  106.   giuliano Scrive:

    Sono sommerso!
    Leggerò prima o poi..
    Baci..
    Ciao ;o)

  107.   fiordi Scrive:

    he he commento in contemporanea!
    ho pensato anche al parto in acqua ma purtroppo non è detto che poi non ci sia qualche complicazione per cui devono ricorrere al cesareo…
    comunque fino ad ora il bamboccio sta con i piedini verso il basso e se resta così il cesareo è d’obbligo. spero che rimanga cosììììììììì

  108.   fiordi Scrive:

    ma come proprio adesso che avevo trovato l’e-mail con la password non c’è più?
    vabbè, non voglio approfondire la cosa dell’uccidere i gatti perchè ci tengo a continuare a volerti bene!
    comunque altro che trovato il mio equilibrio violazza!
    non sono mai stata più squilibrata di adesso!
    non è facile accettare questo terremoto della vita che è l’arrivo di un moccioso, anche se gli voglio bene nonostante il terrore che mi provoca , ma ho un equilibrio precario, passo dalla felicità all’indifferenza alla disperazione al panico perchè non era una cosa programmata anzi era una cosa che cercavo di evitare!
    è una cosa che mi mette di fronte alla mia paura peggiore che è quella dei medici e degli ospedali, degli aghi e dei bisturi.
    e poi c’è il fatto che non parlando bene il giapponese sono stata costretta a decidere di farlo nascere in italia e quindi dovrò vivere i primi mesi della sua vita insieme a mia mamma che già si comporta come se fosse lei la madre anzichè la nonna e quindi dovrò lottare per farla stare al suo posto.
    ma col terrore che mi ritrovo posso solo restare qui, partorire senza poter comunicare bene con i medici sarebbe angosciante.
    qua l’unico che mantiene un equilibrio invidiabile è il giappo, sarà l’età, forse a 35 anni si è più stabili, e poi lui desiderava un bimbo (e poi soprattutto non lo deve partorire lui!!!)
    baciotti e complimenti per il 30!

  109.   Selina Scrive:

    Oggi non mi hai kiesto la password :o
    Ke libro è quello ke stringi forte sotto il braccio?

  110.   chicca Scrive:

    …forse che stai crescendo?!
    Per tua vita “sballata” non biasimarti, credo che fare certe esperienze possa aiutare a capire meglio certe cose…
    ‘azzarola io quanti appunti ho prestato e mai mi sono fatta pagare…che svegliona!!!

    Ciao Ciao

  111.   Arthur Rimbaud Scrive:

    invecchiare dev’essere una bella tristezza, a meno che non sei keith richards o iggy pop

  112.   L Scrive:

    Non cambiare mai,Violet…
    Sei unica.

  113.   Pas Scrive:

    sei bella